DICHIARAZIONI BLACK LIST dal 01.01.2015

Dall’interpretazione del nuovo Art.1 del D.L. nr.40-25/03/2010 modificato dal Decreto semplificazioni 2014 pubblicato in G.U. e della Circ.31/E del 31.12.2014, le dichiarazioni “Black List” relative a tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi, effettuate o ricevute , nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio in Paesi cosiddetti Black List , dal 01.01.2015 saranno così regolamentate:
1. Saranno da dichiarare solamente le fatture emesse o/e ricevute quando l’importo complessivo annuo riguardante TUTTI i soggetti passivi con sede nei Paesi Black List è superiore a 10.000 Euro. Decade pertanto la soglia minima da dichiarare di Euro 500 per singola operazione, come precedentemente in vigore, ma varrà il totale delle fatture emesse e/o ricevute da Clienti o Fornitori Black List.
2. La dichiarazione dovrà essere inoltrata telematicamente con scadenza annuale , presumibilmente entro il 31 aprile dell’anno successivo
3. Già dal 12/02/2014 la Repubblica di S.Marino è stata tolta dalla Lista dei Paesi Black List.
4. Dal 2017 anche la Svizzera verrà esclusa dalla Lista.
5. Per il Liechtenstein e il Lussemburgo si attende l’entrata in vigore degli accordi sottoscritti
6. Le dichiarazioni mensili o trimestrali presentate per l’anno 2014 sono considerate valide e per il 2014 rimane valida la soglia minima di esenzione di EURO 500.
Vi segnaliamo che siamo a Vs. disposizione per emettere le dichiarazioni telematiche Black List 2015 e, nel caso di vs. interesse, Vi consigliamo di volerci inviare periodicamente la fatture emesse e/o ricevute verso o da Paesi Black List. Sarà ns. cura verificare a fine anno i documenti che dovranno essere dichiarati.